Sguardomobile

Scritture di esistenza e resistenza nella società multimedioevale

Home > 04 - Recensioni (in ritardo, in anticipo, in perfetto orario) > Schede > Edoardo Winspeare: Il miracolo

04 - Recensioni - Schede

Edoardo Winspeare: Il miracolo

Amicizia e solitudine nell’ultimo film del regista salentino

mercoledì 22 ottobre 2003

Il miracolo è la storia di un’amicizia.
L’amicizia tra un bambino e la ragazza che, dopo averlo investito, è scappata via senza soccorrerlo. È un film delicato, girato con grande sensibilità, ma asciutto, senza nessun patetismo.

È la storia di due solitudini:
chiusa e ostile quella della ragazza, ancora aperta al mondo quella del bambino. Una ricerca d’affetto che non sembra poter arrivare da nessuna parte, raccontata in maniera lucida ed equilibrata, anche a livello stilistico, divertente e triste, amara e tenera. E accanto a loro, le vicende degli altri personaggi, con i loro piccoli, o immensamente grandi, egoismi, la loro debolezza e il loro amore.

Il miracolo è anche una storia del sud,
ambientata in una Taranto dove il dialetto la fa da padrone, e in cui però la forte connotazione realistica non scade mai nella ricerca del "colore locale", o di effetti comici grossolani. Al contrario, è come se l’ambientazione così fortemente connotata desse inedito spessore alla vicenda, le conferisse maggior serietà. Edoardo Winspeare, insomma, dopo Sangue vivo , dimostra di saper cogliere dei lati della realtà del sud che sono molto riconoscibili come suoi propri, ma non in maniera scontata. E dire "una storia del sud" forse non è abbastanza chiaro: è una storia che poteva capitare dappertutto, ma la modalità in cui va avanti, le battute, i commenti, i gesti, l’umorismo, gli atteggiamenti attraverso i quali si sviluppa - tutto è riconoscibile come appartenente a una cultura precisa.
Ultima segnalazione, la colonna sonora, scritta ed eseguita, come in Sangue vivo, dall’Officina Zoè, e la partecipazione-cammeo al film di Zimba, nella parte del malato miracolato. Sempre che il vero miracolo fosse quello.

Attori: Claudio D’agostino (Tonio), Carlo Bruni (Pietro), Anna Ferruzzo (Annalisa), Stefania Casciaro (Cinzia)
Soggetto: Giorgia Cecere
Sceneggiatura: Giorgia Cecere, Pierpaolo Pirone
Fotografia: Paolo Carnera
Distribuito da: 01 Distribution
Prodotto da: Sidecar Films & Tv, Rai Cinema

Un messaggio, un commento?

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.