Sguardomobile

Scritture di esistenza e resistenza nella società multimedioevale

Home > 06 - Die Fackel e il fiammifero > Dietro una curva, improvvisamente...

06 - Die Fackel e il fiammifero

Dietro una curva, improvvisamente...

sguardomobile vacanzeggia

mercoledì 13 agosto 2003, di Lorenzo Flabbi

...il mare.

Difficile abbandonare i testi gramsciani, i prontuari di filologia romanza e i vocabolari di cimbro e cimmerio sui quali abbiamo sciolto fino a questa antivigilia di ferragosto i nostri sudori. Eppure ci tocca andare, partecipare al rito collettivo del ghiacciolo alla menta, del Negroni di mezza sera, della smozzicata del pitbull sul lungomare e dell’incendio nell’entroterra.
Sguardomobile va dunque atrocemente in mezzavacanza: mezza perché un occhio resta vigile e se un’urgenza si farà più forte del richiamo della sdraio, torneremo ratti ratti su questi schermi.

In compenso si preparano cose succulente per il rientro (a quando? tra dieci giorni? due settimane? sicuramente per il primo settembre: il tempo di acquisire una tonalità bronzea che resista fino alla vendemmia):
- un ’forum intellettuali’ di cui vi spiegheremo meglio a suo tempo;
- una serie di esclusive interviste esclusivamente esclusive;
- reportage, approfondimenti e interviste di Simone Lanza dai quattro (otto?) angoli del pianeta;
- il seguito degli studi di Simone Vergani sull’attore e di Alessio Lega su Renaud;
- le prime traduzioni dei documenti non classificati;
- uno studio econometrico di Luca Flabbi sulla discriminazione di genere che interesserà anche chi crede che econometria sia un hapax di Nevio;
questo quanto già in cantiere. E poi le recensioni, gli approfondimenti, le polemiche, le bagatelle, le traduzioni consuete.

Nel frattempo, inauguriamo un motore di ricerca interno al sito (là in alto a sinistra), per chi volesse approfittare delle lunghe ore agostane per cribrare avidamente sguardomobile.

Buone vacanze e/o buona lettura!

Un messaggio, un commento?

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.