Sguardomobile

Scritture di esistenza e resistenza nella società multimedioevale

Home > 10 - Il bel mondo: appuntamenti e comunicati > Agape - Campo uomini: conflitti e poteri

10 - Il bel mondo: appuntamenti e comunicati

Agape - Campo uomini: conflitti e poteri

giovedì 31 marzo 2005

Vi informiamo che il programma dettagliato del CAMPO UOMINI nel CENTRO
ECUMENICO DI AGAPE
dal 22 (sera) al 25 (mezzogiorno) APRILE è disponibile
interamente su internet qui.

Il campo è rivolto a (soli) uomini (gay e etero) che intendono mettersi in
discussione in un percorso di liberazione dal patriarcato dopo la rivoluzione
delle donne per ridisegnare un’identità di genere maschile matura.
Gli organizzatori vogliono chiedersi perché i vissuti maschili rispetto ai conflitti si esprimano in termini di distanza, solitudine, disarmonia quasi che i conflitti risolti al maschile siano inevitabilmente triste repertorio di aggressioni e violenze. Questa prima e piuttosto sbrigativa conclusione però non è sufficiente: il disagio che la sola parola “conflitto” evoca pare il sedimento di una memoria maschile del “conflitto armato”, attraverso il quale si esplicano sopraffazione e aggressione. L’aggressione tuttavia altro non è che una delle possibili espressioni dell’aggressività la quale, in quanto propensione, viene prima.
Il campo partirà quindi con l’indagare l’aggressività maschile: prevede interventi di Stefano Ciccone (gruppo maschile e plurale di Roma) e Nanni Salio (Centro Documentazione Domenico sereno Regis di Torino), discussioni in plenaria e gruppi e un laboratorio corporeo sulla gestione dei conflitti.
Festa e divertimento nel tempo libero e soprattutto la sera.

Per maggiori informazioni sul campo:
ufficio@agapecentroecumenico.org

Se desiderate avere ulteriori informazioni, la Direzione e la staff
organizzatrice sono a vostra disposizione.

www.agapecentroecumenico.org
agape centro ecumenico
10060 Praly
tel: 0121-807514
fax: 0121-807690

Un messaggio, un commento?

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.