Sguardomobile

Scritture di esistenza e resistenza nella società multimedioevale

Home > 06 - Die Fackel e il fiammifero > Nota a "Non abbandoniamo..."

06 - Die Fackel e il fiammifero

Nota a "Non abbandoniamo..."

domenica 10 ottobre 2004, di Lorenzo Flabbi

Quella che pubblichiamo qui è la traduzione di un appello/manifesto di un gruppo di persone che intende far sentire “la voce dei francesi ebrei o di origine ebraica, che sostengono gli ideali di democrazia, di libertà, di universalità dei diritti umani e dei diritti dei popoli”; hanno scelto di chiamarsi semplicemente Une autre voix juive, laddove autre ha al contempo valore quantitativo e qualitativo: un’altra rispetto a. Dal testo vien fuori molto chiaramente a che tipo di alterità si fa riferimento.

Il testo è stato pubblicato su Le Monde del 28 settembre 2004, come aggiornamento di un manifesto precedente comparso sempre su Le Monde (6/7 aprile 2003), sull’Humanité (7 aprile 2003) e, in ebraico, su Haaretz (giugno 2003), questa volta seguito dalla lista dei primi 93 firmatari. Altre 650 firme sono state pubblicate su Le Monde del 20 ottobre 2003, ma una lista più completa, per quanto ancora lacunosa, la si può trovare qui

Essendo scritto da francesi, un paio di riferimenti possono non essere di immediata comprensione per un lettore italiano:
chiedendo lumi sull’espressione “giudaismo confiscato”, Pascal Lederer, uno degli organizzatori, rispondeva che intende così designare quel giudaismo le cui aspirazioni sembrano essere monopolizzate da poche figure (alcune istituzioni come il CRIF, intellettuali e rabbini sovraesposti mediaticamente) che non rappresentano che un frammento dell’opinione degli ebrei francesi, pur apparendone agli occhi di molti come l’espressione globale; negli ultimi tempi la posizione del CRIF (il Conseil Représentatif des Institutions juives de France, fondato nel 1943 da alcuni resistenti) è passata, non senza attraversare un periodo di grosse turbolenze interne, dalla solidarietà per Israele a un appoggio incondizionato per il governo di quello Stato;
la definizione di “dettaglio della storia” riferita alle atrocità naziste è di Jean-Marie Le Pen.

In appoggio a questo sono stati scritti e pubblicati altri due testi: uno laico ("Entendre Une autre voix juive", firmabile da tutti), l’altro di ispirazione cristiana ("Une voix chrétienne en écho à Une autre voix juive"). Entrambi i testi, con le liste dei firmatari, si trovano qui: http://autre.voix.free.fr.

Per firmare l’appello o contatti: tchapaiev@operamail.com

Un messaggio, un commento?

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.